Casino Squad
Eurispes Pericolo Scommesse Marzo 2024

Riforma gioco pubblico: secondo Eurispes in pericolo la rete fisica scommesse

Secondo l'Eurispes il piano del governo per la riforma del settore dei giochi pubblici è in corso, ma si tratta di un intervento “limitato” che si concentra soprattutto sul gioco online.
Questo approccio trascura le operazioni di scommessa tradizionali, favorendo potenzialmente disparità che potrebbero avvantaggiare le reti illegali.

L’iniziativa sottovaluta inoltre le complesse sfide che l’offerta locale deve affrontare, senza considerare appieno le ripercussioni sul settore dei giochi legali in Italia, compreso il potenziale impatto sull’occupazione.

L’incredibile impennata del gioco online

Sorprendentemente, i giochi online hanno registrato un’impennata, con ricavi a 73 miliardi nel 2022 (un netto aumento del 373% dal 2012) e si prevede che sfioreranno i 100 miliardi nel 2024.
Questa crescita sottolinea l’importanza di affrontare il settore online all’interno di una regolamentazione complessa.

La proposta di decreto legislativo delinea nuovi termini finanziari per le licenze di giochi online, fissando una tariffa di 7 milioni di euro per una concessione di nove anni, un aumento significativo rispetto alla tariffa precedente di circa 250.000 euro.

Questo forte aumento rappresenta una minaccia per la protezione dei consumatori poiché potrebbe restringere il mercato legale, che attualmente comprende 93 operatori autorizzati, e dando inavvertitamente una spinta ai servizi di betting online senza licenza.

Con l’80% dei ricavi del betting online generati da 20 operatori, il governo ipotizza che almeno 30 delle aziende di medie dimensioni esistenti potrebbero ancora partecipare alla procedura di gara, nonostante il sostanziale incremento dei costi di licenza – un aumento di 28 volte secondo l’agenzia.

Il prossimo bando penalizza le piccole e le medie imprese

Oltre ai dati primari, è importante sottolineare la notevole possibilità che il prossimo bando europeo, la cui conclusione è prevista entro la fine dell'anno, possa favorire in modo sproporzionato le grandi società internazionali e multinazionali rispetto alle piccole e medie imprese (PMI) locali precedentemente coinvolte nell'infrastruttura dei giochi online (dalle richieste di verifica dei pagamenti (PVR) ai fornitori di servizi, passando per gli operatori di medie dimensioni citati dal Governo).

Dal punto di vista fiscale, si prevede che la prossima gara di gioco online genererà circa 350 milioni di euro di ricavi. Tuttavia, è fondamentale notare che la maggior parte delle entrate dello Stato provenienti da questo settore deriva prevalentemente dalle tasse sulle forme di betting fisiche tradizionali.
Rispetto ai 9,2 miliardi di euro raccolti nel 2022 dal betting fisico, il settore giochi online ha contribuito solo con 1 miliardo di euro. Pertanto, il passaggio dalle piattaforme tradizionali a quelle digitali, stimolato dal vantaggio competitivo del mercato digitale che beneficia di processi normativi snelliti, potrebbe avere un impatto negativo sul Tesoro riducendo le entrate.

La normativa tocca in modo sottile anche la rete fisica di scommessa, in particolare per quanto riguarda la standardizzazione dei PVR, cioè dei Punti Vendita e Ricarica.
Questi sono autorizzati dalle piattaforme online per l'avvio e il finanziamento di conti e servono come mezzo principale di coinvolgimento del mercato, nell'ambito delle attuali restrizioni pubblicitarie imposte dal "Decreto Dignità". Il Governo rileva l'attuale funzionamento di circa 50.000 PVR.

Vale la pena riconoscere che le restrizioni per questi soggetti - già parte dell'ecosistema del gambling regolamentato - mentre mira a ripulire l'area di operazioni contrassegnate da irregolarità o illegalità, allo stesso tempo emargina una coorte di imprese rivolte al pubblico che storicamente hanno partecipato a questa attività.

Questa mossa li rende potenzialmente vulnerabili alla concorrenza di operatori stranieri (domini .com), aumentando il rischio di assimilazione in reti non autorizzate.

L’importanza di dedicare parte del gettito derivante dal betting al trattamento delle dipendenze

Nella prima seduta della Conferenza Unificata del 25 gennaio, dedicata all'esame della proposta di legge, Regioni, Province Autonome ed Enti Locali hanno sottolineato l'importanza che il Governo presenti alla Conferenza le disposizioni di riordino della rete fisica prima della loro attuazione ufficiale.
Questa insistenza si basa sui precedenti stabiliti dall’Accordo del 2017, evidenziando la necessità del loro contributo nel delineare l’approccio strategico per le prossime normative volte a combattere i comportamenti di scommessa patologici e ludopatia.

In particolare, le Regioni hanno proposto una quota del 5% nel gettito fiscale derivante dalle macchinette a partire dal 2027, per rafforzare gli sforzi nella prevenzione e nel trattamento delle dipendenze dal betting e per affrontare altre vulnerabilità sociali.

Inoltre, le Regioni hanno sottolineato la criticità di avere accesso ai dati relativi alla localizzazione dei punti vendita tradizionali, riconosciuti come parte integrante della "rete del gioco fisico". Comprendere la loro ubicazione, è fondamentale per definire le linee guida per la distribuzione e la densità locale di queste reti di betting, nonché per elaborare strategie per affrontare la dipendenza.

Quando si tratta di offerte di giochi fisici, ci sono numerose sfide da fronteggiare: dal rinnovo delle licenze oltre le estensioni temporanee, alla creazione di un regime fiscale coerente e permanente dopo anni di aggiustamenti incrementali ad hoc; dalla definizione di un partenariato equilibrato tra Stato e Regioni nella definizione della distribuzione geografica delle opzioni di game, all'implementazione di strategie efficaci e attuabili nella lotta alla ludopatia.

Trascurare questi temi potrebbe portare a un declino del “canale fisico”, incidendo negativamente su diversi ambiti, come evidenziato di recente nel corso di una tavola rotonda organizzata da Eurispes. Questa discussione ha messo in luce gli aspetti unici della rete di betting fisica, sottolineandone i preziosi contributi.

Il gioco pubblico tradizionale è importante per mantenere l’occupazione

Per cominciare, è importante sottolineare l'impatto significativo del settore del gioco pubblico sull'occupazione all'interno della rete fisica, che comprende tra 140.000 e 150.000 lavoratori ed equivalenti a tempo pieno.

Queste cifre sottolineano la natura ad alta intensità di manodopera di questo settore, che contribuisce anche per lo 0,5% al PIL nazionale (circa 10 miliardi di euro, di cui 9,2 miliardi di euro a beneficio del Tesoro). Inoltre, mentre le medie e grandi imprese gestiscono le concessioni, le piccole e medie imprese svolgono un ruolo cruciale nella catena di fornitura, collegandosi con i rivenditori e facendo affidamento su servizi subappaltati da terzi.

I rivenditori sono presenti approssimativamente in 85.000 punti vendita, sia specializzati che non specializzati. Di questi, circa 50.000 formano una rete estesa. Il numero di punti vendita fisici ha registrato un calo dal 2017 al 2022. Un’ulteriore riduzione di questi punti vendita potrebbe portare a significative perdite di posti di lavoro e mettere a repentaglio la funzione fondamentale della rete fisica nel mantenere la conformità legale.

La riorganizzazione dovrà affrontare anche la questione del “federalismo dei giochi”. L'Eurispes ha rilevato che le politiche regionali volte a mitigare i problemi legati alle scommesse hanno portato a misure incoerenti, caratterizzate dall'implementazione di “misuratori di distanza” e da orari operativi ristretti. Queste misure, spesso soggette a moratorie a causa della loro impraticabilità, possono diminuire significativamente la presenza di punti di scommessa legali.

Questo scenario minaccia la stabilità del settore del gioco pubblico, colpendo l'occupazione sia nei punti vendita specializzati che in quelli generalisti. Inoltre, le entrate del Tesoro, principalmente derivanti dai giochi basati su dispositivi (AWP e VLT), che rappresentavano oltre 5,5 miliardi di euro dei circa 10,5 miliardi di euro nel 2023, sono diminuite del 10% dal 2017.

Una continua flessione potrebbe ulteriormente danneggiare il Tesoro, soprattutto perché i game basati su dispositivi elettronici comportano prelievi più elevati rispetto alle tasse più basse applicate ai giochi online.

Considerazioni finali

In conclusione, si spera che tutte le parti coinvolte nella regolamentazione del settore del gioco pubblico riconoscano le questioni delineate nel progetto di Decreto e lavorino verso una riorganizzazione complessiva che sostenga efficacemente le sfide affrontate dalla rete fisica.

È fondamentale coinvolgere tempestivamente le autorità locali e gli operatori del settore in questo processo, riconoscendo che ulteriori ritardi potrebbero esacerbare le attuali tendenze del mercato e portare ad un progressivo declino della rete fisica delle scommesse.

Ultimi Articoli

Scommesse Sportive 2024

Guida scommesse sportive 2024: ottimizzare le quote

Pubblicato il11 apr 2024
Pubblicità Gioco Spagna

Pubblicità Gioco: in Spagna Allentati i Divieti

Pubblicato il11 apr 2024
Giochi Online Marzo 2024

Giochi online: in crescita casinò e poker a marzo 2024

Pubblicato il05 apr 2024
Riordino Giochi Riforma Aprile 2024

Riordino dei Giochi: in GU Aggiornamenti sulla Riforma

Pubblicato il04 apr 2024
Blackjack X

Blackjack X: nuova esperienza dei giochi di carte

Pubblicato il27 mar 2024
Casino online
Slot online